rifiuti

Che faccio… lo butto?

Quanto cibo buttiamo nella spazzatura? Almeno il doppio di quanto crediamo. Lo spiega il Rapporto 2015 Waste Watcher, che fornisce i primi risultati relativi alla campagna legata ai DIARI DI FAMIGLIA, un test preciso che indica la misura quali-quantitativa dello spreco legato a ogni pasto, rivelando tra l’altro che lo spreco reale e lo spreco percepito non coincidono.

XTC_Tree copia

Innovation, as usual

Attento, informato, scaltro, alla ricerca del benessere… Da Parigi, le tante facce del consumatore e le dodici tendenze che faranno perdere il sonno agli uomini di marketing e della ricerca e sviluppo delle aziende del settore food&beverage.

Idea regalo

Socci ricordate? Ma si, Antonio Socci! Ma si, quello cattolico, forse un filo integralista, che commentava le notizie attraverso l’interpretazione dell’Apocalisse di …

The-Impulse-Society-America-in-the-Age-of-Instant-Gratification

La società dell’impulso

Paul Roberts Siamo entrati nell’era in cui il mercato è diventato una cosa sola con la nostra individualità, in cui l’impulso personale …

chocolate

La cioccolata magica

LiveSmart. Non è ben chiaro se sia la magicità del prodotto, un cioccolatino che fa dimagrire, o la possibilità di lauti guadagni. …

foto: dinascitywildlife

Liberté, Égalité, Fraternité… Biodiversité

Pesticidi zero. In Francia, non in Italia! L’iniziativa è appoggiata del neo ministro francese per l’ecologia Ségolène Royal che ha invitato pubblicamente i sindaci ad aderire all’iniziativa per preservare la salute pubblica e la biodiversità.

fonte thebottlecapman

Quanta frutta nelle bibite col nome di frutta?

Secondo i produttori e le associazioni di categoria, la richiesta di portare al 20% la presenza minima di succo presente nelle bibite con il nome di frutta, snaturerebbe il sapore del prodotto e non piacerebbe più al consumatore.